Vulvodinia. Cause, sintomi e trattamento della vulvodinia

Come ottenere capelli spessi: la vostra guida ai trattamenti naturali
dicembre 21, 2018
Show all

Vulvodinia. Cause, sintomi e trattamento della vulvodiniaLa vulvodinia (vulvodinia) si manifesta con un forte dolore vaginale, che rende difficile per le donne non solo fare sesso, ma anche praticare sport e persino sedersi su una sedia. Il trattamento della vulvodinia è difficile e la timidezza dei pazienti lo complica ancora di più. Quali sono le cause e i sintomi del vulvodynii?

La vulvodinia è una malattia femminile , il cui sintomo è forte irritazione e dolore vulvare . Le nostre eroine si vergognavano per la prima volta dei loro disturbi e, quando osavano andare dal dottore, nessuno di loro poteva aiutarli, perché molti dottori ancora non sanno nulla di questa malattia.

Vulvodinia: sintomi

– E ‘come una bruciatura – Iza dice – in modo che in caso di ustioni del dolore https://superoitalia.it/black-latte/ scompare dopo pochi giorni e, nel mio ultimo anno. È come una tortura cinese. Joanna: – Immagina di avere centinaia di aghi in mutande che rimangono bloccati nella pelle.  

Iza spiega che il peggio è quando va a letto. – Mentire non è un sollievo. In autunno fuori gli stimoli di tutti i giorni da letto e gli impulsi – la testa non è come quella sensazione intensa e facendo “esce in cima.”

Magda: – Mi fa male in modo che una persona non è in grado di dormire, camminare, non si può nemmeno portare i pantaloni.

Il dott. Ines Ehmer, un ginecologo tedesco specializzato nel trattamento della vulvodinia, afferma che le donne affette da questa condizione possono trovare significativamente più terminazioni nervose nella zona vaginale rispetto alle donne sane, il che aumenta la sensibilità anche al minimo stimolo. Ci possono essere anche danni al nervo pudendo. Gli effetti sono simili alla nevralgia del trigemino ben descritta in medicina, solo il dolore si trova nella zona pelvica.

Vulvodinia: soffre milioni di donne nel mondo

Iza, Magda e Joanna si sono incontrati sul portale www.vulvodynia.pl. Come scritto dai suoi creatori, gli psicoterapeuti Agnieszka Serafin e Mikołaj Czyż, la vulvodinia è una denuncia cronica di genitali femminili. Di solito, si traduce in un dolore bruciante, spesso lancinante, irritazione e secchezza della vulva ( vulva latina ).Vulvodinia: soffre milioni di donne nel mondo

Agnieszka Serafin: – Nel nostro paese, la maggior parte delle donne che lottano con questi tipi di sintomi vivono nella convinzione di essere completamente isolate, che è solo il loro problema.

Importante

Cos’è la vulvodinia

Società Internazionale per la Ricerca sulle malattie vulvo-vaginalnymi Vulvodynia è definita come “dolori e affaticamento, caratterizzata da bruciore, pungente, irritazione dei genitali femminili, in assenza di infezione o malattia della pelle vulvy o vagina che può causare questi sintomi.” La maggior parte delle donne cominciano ad ammalarsi tra i 18 ei 25 anni di età. Si ritiene che negli Stati Uniti soffrono di vulvodinia come 13 milioni di donne. In Polonia, la malattia non è testato e diagnosticato molto raramente.

Agnieszka soffre della vulvodinia stessa. – Dall’esperienza so che è stato un passo avanti per me leggere sui siti web in lingua inglese che questi disturbi hanno il loro nome e che riguardano milioni di donne. Secondo Iza, la vulvodinia non può funzionare normalmente. C’è un solo obiettivo nella vita: smettere di ferire. E questa terribile consapevolezza che non ci sono pillole che puoi prendere e passerà tra un momento.

Iza: – È così. Non puoi andare in bicicletta oa cavallo. Non hai voglia di allontanarti dal tuo bagno. Non andrai in vacanza in campeggio. Non ti siedi sulla sedia troppo a lungo. Se ti cuociono costantemente, dopo un po ‘non puoi solo funzionare normalmente, ma pensare per niente. L’uomo cessa di essere se stesso. In realtà, tutto il mondo normale cessa di esistere. C’è solo questo duo – io e la mia vulvodinia.

La vulvodinia può rovinarti la vita

Iza: – Non lo so, forse puoi fare un po ‘, ma l’intera sfera intima zoppica. Nessuno con una mano rotta giocherà a tennis, e con una vulva malata farebbe sesso. Certamente puoi fare altri sport … Anche se una persona malata non ha altra scelta. È possibile indulgere nel piacere, essere sopraffatti dalla sofferenza?

  • Joanna: – Ho 42 anni, sono sposata da 17 anni. Mio marito non vuole parlarne. Quando inizio una conversazione, non ascoltare o cambiare argomento. La mia vita intima non esiste più.
  • Iwona: – Mio marito non credeva che qualcosa facesse male. Ha detto che dal momento che i medici non vedono il problema, probabilmente non c’è, il problema è nella mia testa o nel fatto che lui non mi attrae fisicamente. Sopravvisse meno di 4 anni e se ne andò. Siamo divorziati.
  • Joanna: – È come una famiglia con suo marito. Non vogliono parlarne. Possono discutere i loro dolori per ore: colonna vertebrale, pancreas e altri, ed è sufficiente menzionare me stesso e la fine della conversazione.

La vulvodinia è ancora un argomento tabù?La vulvodinia è ancora un argomento tabù?

La prima donna polacca che ha accettato di dire pubblicamente sulla vulvodinia è Anna Kasperska, l’eroina del programma “Mekajmy się” di Anna Dymna. Anna scoprì la vulvodinia in uno dei centri di salute inglesi a cui andò. Lo stesso giorno ha creato un blog per rendere i polacchi consapevoli di cosa sia una malattia e di come sia il trattamento.

Anna: – Molte donne in Polonia non sanno cosa sia. Forse perché non sanno che è una malattia – hanno paura di parlarne. Oggi parlo apertamente del mio problema, perché sono arrabbiato con i medici polacchi che nessuno lo ha diagnosticato. Ad un certo punto, ho pensato che c’era qualcosa di sbagliato in me perché volavo da un dottore a un altro. Mi è stato detto che avrei dovuto andare in vacanza, invece di curarmi. Devi parlarne!  

Joanna, che ha la vulvodinia, ha imparato che “Incontriamoci”. – Ho sintomi identici al protagonista di questo programma. Non riuscirò a convincermi di depressione , ipocondria, problemi alla schiena o altre malattie suggerite dai medici che ho visitato.

 

Comments are closed.